Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.
Risposta scelta dall'autore della domanda
7 Utilità

Sekiro. In sekiro o sei bravo o non vai avanti. Negli altri puoi farmare e superare magari la poca bravura con il livello alto. In BB io ho finito il gioco la quarta volta al 200, è stato una passeggiata. Dark souls una volta che lo conosci è easy, il 2 è 3 idem.. L'unico è sekiro per me. Molto più difficile dei souls proprio per l'impossibilità di superare un punto livellando e il non poter evocare un altro giocatore sempre se sei in difficoltà. In sekiro dipende tutto da te.

 

Livellare è utile praticamente solo in bloodborne che ogni livello ti alza la difesa fisica e pure relativamente. Negli altri souls le sl1 le fai senza il minimo problema. La difficoltà di sekiro è dovuta al fatto che i danni sono spropositati e schivare è inutile (cosa che inganna i souls player), per il resto devi solo fare deflect al momento giusto, è ripetitivo e basic.

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

Direi proprio bloodborne perché i nemici e soprattutto i boss fanno male male male e non puoi bardarti come in altri giochi

 

@Fonzie cosa sono gli i-frames?
Poi si puoi avere tante cure ma spesso capita che un boss con un colpo ti toglie 3/4 di vita tu ti allontani cerchi di curarti ma non fai in tempo e ti uccide con un altro colpo, sono super aggressivi i nemici di BB, comunque forse ripensandoci ds2 per alcune cose fatte un po' a cazzo potrebbe essere il più difficile, che a me piacciono infatti è il mio souls preferito

 

@LuchinoWF97 I frame di invincibilità, se togli il lock e rolli anzichè schivare credo (empiricamente) che tu ne abbia un numero maggiore e in ogni caso hai una maggiore proiezione e possibilità di fuga, se non usi il lock e abbini attacchi con cambi di direzione e trasformazione delle armi la difficoltà del gioco è più che dimezzata, la cura in bloodborne tra l'altro è rapidissima e ripeto, alcune armi ripristinano tanta vita, un attacco caricato di ascia te la ripristina tutta. La vera difficoltà di bloodborne sta in una manciata di boss che sono un "incubo", per il resto affrontato nel giusto modo è uno dei più facili.

Edit: il numero di iframes è lo stesso per schivata e roll ma come dicevo il roll manda molto più lontano dunque è tremendamente più efficace

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

Il primo Dark Souls l'ho odiato nella Città Infame, credo il livello più difficile nella storia dei Souls

 

@darkLy654 Secondo me la difficoltà di un boss dipende tantissimo dallo stile di combattimento

Per esempio Micolash,in bloodborne, io l'ho ucciso al primo tentativo, un mio amico invece proprio non ci riusciva e ha chiesto il mio aiuto alla fine per ucciderlo e la cosa curiosa è che nel complesso lui è più bravo di me nei souls

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

per me è stato Sekiro: imparare il block timing di ogni boss è stato arduo sisi

però anche The Old Hunters di BB non è che l'abbia trovato facile eh rotfl

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Allora, io ho penato di più su ds1 ma perché era il mio primo souls. Credo seriamente che Scholar, se giocato alla cieca senza informarsi su gemme e soprattutto ADATTABILITÀ possa essere un vero incubo. Bloodborne tolti un paio di boss non l'ho trovato così difficile e tengo a sottolineare che ho giocato ai souls complessivamente per migliaia di ore.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Demon's souls forse per via dei pochi checkpoint, tutti dopo ciascun boss, perciò morire significava rifarsi una ricca parte di strada e nemici, che i checkpoint aiutavano giusto un pochino, oltretutto certe armi e miracoli rendevano gli invasori a volte un dito in culo infinito, ma è anche vero che metà dei boss è cheesabile in una maniera imbarazzante. Dark souls 1 è più che altro infame, come il demone capra, il frame rate di merda nella città infame, le sezioni "platform" come il comminare su superfici con poco spazio che sono un cancro semplicemente (con una hitbox del personaggio e delle superfici che manco la PS2) e così via, ma globalmente si scorre bene tranne quei punti. Dark souls 2 è il vero gioco programmato male, altro che Bloodborne, perché se è vero che metà dei boss sono puttanate, il gioco semplicemente porta all'estremo la cattiva programmazione nelle sezioni platform, non so quante volte son morto cadendo perché il pg ha una manovrabilità di un carro armato con i cingoli spezzati e salti con 4 metri di capriole dopo, e il gioco pretende che tu atterri su superfici di 2m quadri. Dei dlc il demone della forgia 2 è semplicemente tanto difficile tanto quanto riciclato. Bloodborne base è veramente semplice rispetto agli altri, sarò morto una quindicina di volte in tutto il game che è ridicolo per la serie, il dlc è più tosto soprattutto per un boss in particolare che ho trovato il più ostico di tutta la serie (tranne uno di dark souls 3) e son morto solo lì più volte che nel gioco base. Dark souls 3 scorre bene ed è molto ben bilanciato, i DLC non li ho giocati ma lo farò presto, e sekiro nemmeno, che a priori ritengo il più tosto a rigore di logica e da quello che ho sentito. Per ora direi the old Hunters di ciò che ho giocato insieme a demon's se non sfrutti l'IA demenziale in certe boss fight

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

scusate ma Nioh,,, solo io ho trovato una gran difficotà? sekiro lo sto per finire ed è stupendo e molto più facile di nioh(1) secondo me, oppure ho sbagliato qualcosa e non l'ho capito come gioco, bho addirittura l'ho droppato ad un certo punto che m'ero rotto le balle

 

Io non l'ho giocato, ma avevo fatto una domanda sulla difficoltà e mi era stato detto che in nioh conta molto livellare

 

Strano sai? personalmente ho trovato Sekiro molto più difficile di Nioh, quest'ultimo infatti permette di debuffare il nemico con varie possibilità (rallentamento, difesa e attacco abbassati, veleni ecc), Sekiro dalla sua ha le protesi che possono aiutare, ma sono molto meno immediate delle magie Omnyo e Ninjutsu di Nioh, bisogna imparare ad usarle nel momento e nella situazione giusti.

Nioh può essere difficile all'inizio (così come tutti i souls), ma una volta che si builda il pg per bene ci si diverte davvero tanto, per dire ero a tipo lv 230 e mi bastavano 3 colpi con la mossa caricata delle Katane doppie per finire qualsiasi boss nella difficoltà più alta (via del Nioh), Sekiro anche se si livella per bene bisogna stare moooolto attenti in ng+

Detto questo secondo me dovresti dare un'altra chance a Nioh e poi recuperare il seguito (che sto giocando da diversi giorni e mi sta piacendo davvero tanto)

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Il titolo in cui ho penato di più per ora è stato Dark Souls 3.. proprio oggi ho ricreato un pg per verificare la difficoltà

 

@Vito_5 non l'ho ancora terminato, ho sofferto come un dannato contro un boss opzionale (non faccio nomi), quindi la mia opinione non è molto attendibile..
Però se proprio devo: è un rimedio al titolo precedente, ma inferiore al primo, molti mi affermano che i dlc sono importantissimi ma per come è strutturato il primo mi spiace ma penso che questa "saga" doveva terminare col primo.. ovviamente il gameplay è validissimo, la lore volendo pure ma si vede che alcune idee sono state riciclate malissimo da Bloodborne (per farti un esempio i calice dungeon sono stati riproposti in delle catacombe, e altre cose simili)

 

@gorzisback che in realtà il motivo per cui non l'ho preso al day one è stato proprio che mi era sembrato troppo un riciclo dei precedenti...
L'ho comprato l'anno scorso perché era da un po' che non giocavo ad un souls, solo che poi mi è ststo regalata la remastered del 1 e piuttosto ho rigiocato a quello...
Prima o poi comunque lo giocherò, anche perché credo che nel complesso riuscirà a piacermi, se non altro almeno per il gameplay

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Secondo me Demon Soul. Un po' perché magari era il primo ai tempi e quindi non avevi molta esperienza nel genere. Più che altro per la gestione della vita che dovevi comprarti le erbe apposite e se non avevi abbastanza anime per comprarle ti arrangi. Non c'erano i falò ogni tre per due dove ti ripristinano salute, pozioni e incantesimi. Anzi C'era una barra del Mana che si scaricava e dovevi comprare altrettante erbe.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Sinceramente tanto tosti non sono i Souls, li trovo molto sopravvalutati da questo punto di vista. Parliamo solo di titoli che necessitano di un piccolo sforzo in più, ma se prendo un action vecchio stile a difficoltà massima lo brucia in tutto a livello di abilità richiesta dal giocatore. Chi li trova assurdi non ha mai provato un gioco a 8-16 bit tipo Castlevania o Mega Man, li davvero c'è da bestemmiare il creato ad ogni livello o boss. Sekiro sembra quello che mi ispira più abilità vera nel padroneggiarlo, ma devo ancora recuperarlo, è solo una prima impressione dopo aver visto qualche sequenza di gioco.

 

Ma non è che siano tanto tosti, più che altro almeno un po' ti ci devi applicare. Prendi Tomb Raider, io non sono mai morto in tutto il gioco e converrai con me che ciò lo rende un po' noioso, mentre almeno nei souls qualche volta muori, richiede un po' di attenzione
Poi alla fine la difficoltà gratuita io neanche la cerco e concordo che siano tranquilli, cioè a me nessun souls ha mai dato l'impressione di avere ostacoli insormontabili, al limite mi ha invitsto a fare più attenzione

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Dipende da che giocatore sei perchè non esiste ne il fenomeno che non ha nessuna difficoltà ne il nabbo che veramente non riesce in niente.
Sono tutti giochi dove chi ha PAZIENZA E BRAVURA NELLO SAPER IMPARARE dal gioco stesso riesce ad andare avanti.
Ci saranno zone dove sei obbligato a farmare per andare avanti, altre zone dove sarai costretto a trovare un'altra via ecc ecc.
Me mazza chi dice che un gioco è difficile perchè "fatto male e pieno di bug".
Se cosi fosse, dagli anni 80 al 2007 avemo penato l'anima per tutti i giochi :D

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Il primo da cui si comincia.

Una volta che si fa esperienza nel modo in cui vanno affrontati sono tutti abbordabili, con le ovvie variazioni.

Non ritengo sekiro appartenere ai souls quindi è un discorso a parte ma anche li una volta che si impara il tempismo nelle parate e si affinano i riflessi diventa molto semplice o comunque abbordabile.

Risposta scelta dall'autore della domanda
-13 Utilità

Dipende che tipo di difficoltà intendi: se intendi il più peggio programmato, allora Bloodborne a mani basse. Anche se non ho ancora giocato a DSIII, ma BB è una vera merda se si parla di programmazione, dato che presenta una quantità di bug, glitch, e problemi tecnici di varia natura che Kingdom Come: Deliverance al lancio in confronto è nulla.

 

@Games for passion oppure ti tieni a distanza ahah
Anzi io sui boss spesso faccio un primo approccio osservando gli attacchi più che pensando a colpirli e poi li affronto

Qual è secondo voi il Souls/Souls-like più difficile e perché?