Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Johnlocke07 condivide alcuni suoi interventi solo con i suoi amici. Se vuoi conoscere Johnlocke07, aggiungilo agli amici adesso.

Pigna

Ho deciso di guardare Yesterday (2019), in quanto grande fan dei Beatles, e dato che l'incipit sembrava curioso (non ha nulla di biografico). Stupidamente non avevo dato neanche un'occhiata alle recensioni (che comunque non sono basse come dovrebbero), eh lo so.
E niente, mi ha fatto talmente schifo che ho sentito il bisogno di sfogarmi qua, io che non scrivo mai qua dentro. Non guardatelo, porca troia. Le cose più intollerabili sono state la tizia che è letteralmente solo una manic pixie dream girl, la storiella d'amore cringissima e il 'messaggio' del film. E poi sembra na marchetta a Ed Sheeran, ma chi cazzo lo voleva in 'sto film? Un insulto ai Beatles, veramente.

Johnlocke07

ha scritto una recensione su Alien: Isolation

Cover Alien: Isolation per PS4

L’imprevedibile e terrificante predatore alieno: un organismo perfetto

Amanda Ripley, figlia di Ellen Ripley, (iconica e forte protagonista dell’universo di Alien ideato da Ridley Scott) si dirige sulla stazione spaziale Sevastopol per recuperare la scatola nera della Nostromo e trovare delle informazioni che possano condurla da sua madre.

Se c’è una cosa che più mi ha colpito di questo survival horror in prima persona è stato principalmente il rispetto e la fedeltà con l’opera cinematografica, una opera che si può dire ha gettato le basi horror fantascientifiche. Mi riesce davvero difficile pensare che un fan di tale universo e avvezzo ai videogiochi possa considerare Alien Isolation una occasione mancata, questo perché non solo il team di sviluppo è riuscito a ricrearne meticolosamente l’atmosfera della stazione con numerosi dettagli, ma hanno reso tanto reale quanto imprevedibile la temutissima creatura Xenomorfo, con i propri sensi considerevolmente sviluppati.

Alien non si aggira semplicemente nella stazione con lo scopo di inseguirti, non è una intelligenza artificiale studiata unicamente con l'obiettivo di trovarti, e lo fa ovviamente, curiosando anche i nascondigli se qualcosa dovesse essere fuori posto, invero la sensazione che più ho percepito è che Alien VIVE all’interno di Sevastopol e non c’è scampo per nessuno, qualsiasi essere umano, che sia un amico o un nemico di Amanda andrà incontro a morte certa se entra nel campo sensoriale dell’alieno, ciò mi ha permesso di creare dei diversivi, con torcia e radar spesso a portata di mano e tutta una serie di materiali utili per creare strumenti di supporto.

Essendo un gioco che punta tutto nel farti provare ansia e tensione non sceglie la via più facile del jumpscare, ma di fatto sa come farti sentire impotente, e comunica attraverso la sua straordinaria atmosfera opprimente favorita da tutta una serie di suoni ambientali, un comparto sonoro davvero eccezionale, tra i migliori in assoluto. Ho apprezzato le sessioni di maggior silenzio senza che il radar captasse qualcuno nei paraggi, portando l’esplorazione e la tensione su ben altri livelli, quelli da cardiopalma.

Alien Isolation è sorprendente, ha offerto situazioni varie di volta in volta ed è sempre stato uno spettacolo visivamente parlando, osservare i meravigliosi effetti di luce soprattutto nell'outer space è stato impagabile.

Un survival horror ove la modalità stealth è fondamentale per sopravvivere, ma fortunatamente ho avuto anche modo di sbizzarrirmi con un inaspettato buon arsenale, non eccessivamente carico, il giusto, sempre attento a non far troppo rumore o sprecare munizioni.

Penso che Alien Isolation sia tra i migliori se non il miglior horror in prima persona in circolazione, l'horror più divertente e appagante in queste ultime generazioni, tuttavia mi manca quel poco così per elevarlo ulteriormente, in primis ho finito con l’abituarmi alla presenza dell’alieno, seppur non sempre costante visto il suo essere astuto e imprevedibile, ma ad un certo punto vuoi per la lunghezza, vuoi per delle armi capaci di intimorirlo non posso dire di essermi angosciato per tutta la sua durata, e se con la IA dell’alieno è stato fatto un lavoro esemplare caso opposto quella degli umani a volte l’ho trovata mal gestita, sebbene tali sessioni si contano sul palmo di una mano.

Ho riscontrato piccoli bug vedendo penzolare in aria armi di tanto in tanto, ma nulla che ha compromesso l’esperienza di gioco, ciò che l’avrebbe migliorata per me è senz'altro l’inserimento di qualche enigma un po’ più elaborato dei soliti “ minigiochi “ proposti per sbloccare le porte o i terminali, e per finire la narrazione, per quanto rispecchi tutti i canoni e la coerenza cinematografica non è stata all’altezza di altre produzioni del genere, ma è anche vero che c’è di peggio, molto peggio, e tutto sommato Alien Isolation funziona troppo bene da chiudere volentieri un occhio su questi piccoli difettucci o mancanze, mi ha divertito tanto, stramerito di una IA mostruosa, curiosa, efficace e realistica come non si erano mai viste in un survival horror, merito dell’atmosfera, del comparto sonoro e della massima fedeltà alla serie.

8.5

Voto assegnato da Johnlocke07
Media utenti: 8.4 · Recensioni della critica: 8.5

Johnlocke07

ha aggiornato la sua collezione

Non ci sono interventi da mostrare 😔