Ludomedia è il social network per chi ama i videogiochi. Iscriviti adesso per iniziare.

Se non fossi nati/e in Italia dove avreste voluto nascere ?

Molti nostri connazionali attaccano spesso l'Italia per la politica in primis, la gente invadente, la sporcizzia che ci circonda, con persone che scambiano il sotto casa come discarica. Quindi chiedo a chi non accetta questa cosa " Voi dove avreste voluto nascere se l'Italia non vi piace ? ". Detto questo vorrei puntualizzare che per gli stranieri l'Italia è la penisola dei sogni e che ogni qual volta che ci tornano dicono di provare una sensazione magica, che solo l'Italia tutta riesce a far sentire tutti a casa.

Devi accedere per votare.

in l'Angolo dello Sfogo

Risposta scelta dall'autore della domanda
6 Utilità

Io credo che finché non ci vivi in un posto non puoi sapere tutti i pro e i contro. Dire "andrei a vivere in X" per una vacanza fatta o per un idea derivata da media e convinzioni personali/popolari non ha tanto senso. Una mia amica era ossessionata dall'idea di vivere a Londra, quando effettivamente ci si è trasferita poi non si è trovata bene per tante ragioni e alla fine è tornata qui. Allo stesso modo ci sta che gli stranieri adorino l'Italia, perché quando sei turista non ti accolli tutte le problematiche di un posto e alcune manco le vedi; piuttosto ne esalti le qualità.
Comunque giusto per stare al gioco, io non avrei dubbi: andrei a vivere a Barcellona. sisi

Risposta scelta dall'autore della domanda
3 Utilità

Ti direi Nuova Zelanda ma anche Giappone, Paesi Bassi, USA...inoltre, vorrei puntualizzare il "chisseneffotte" se agli stranieri piace l'Italia. Stanno per 7 giorni e poi se ne tornano a casa loro. A me fa cagare a spruzzo e non vedo l'ora di andar via

 

I stranieri piace l'Italia per le sue opere e per i suoi tantissimi personaggi storici. Come saprai noi inteso come 'Antichi Romani' e la Grecia siamo le nazioni della storia e cultura più antica del pianeta. Io invece spero che ci sia un cambiamento per far restare l'italiano in Italia, perchè tutti gli italiani sono sempre nel mezzo delle ricerche più importanti, quindi credo e spero possano in futuro dare a Cesare quel che è di Cesare, l'Italia ha bisogno degli italiani, mentre qui al momento se ne vanno perchè gli stipendi e i laureati non sono ben corrisposti.

 

@Ammiragliobyrd madonn storia più antica del pianeta non è assolutamente vero e tutti i posti hanno tanti personaggi storici e opere. Per le ultime si apprezzano in base al periodo storico, non c'è un "meglio o peggio"

Risposta scelta dall'autore della domanda
2 Utilità

Uhm non saprei, a naso direi California perché c'è un bel clima ed eventi di qualsiasi genere. Il fatto è che essendo italiano ho assimilato tutte le tipiche abitudini di qui (in primis il cibo) e quando ho vissuto all'estero ne ho risentito parecchio.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Farò finta di non vedere il disastro grammaticale che è questa domanda asd
Comunque, il mio problema non è essere nato in Italia, ma essere nato in una zona dell'Italia che non offre possibilità, non offre sbocchi, non offre un futuro per chi vi nasce. Fossi nato, chessò, a Milano, probabilmente le cose sarebbero molto diverse. In pratica, sarei voluto nascere in un posto che offra la possibilità di potersi realizzare, di poter inseguire i propri obiettivi: Amsterdam, San Francisco, New York, Londra... città che permettono a tutti di poter trovare il proprio "futuro".

 

A parte i problemi grammaticali...che ci sono :( io direi che l'Italia non offre, ecco questo è quello che non accetto nemmeno io. L'Italia spende e spande per partiti, senatori che non servono a niente ma solo a rimpinguare le tasche piene di chi ne ha piene. Come cambiare il tutto, riportando solo tre partiti, destra,sinistra e centro con un massimo di 10 persone a partito. Gli altri tutti a fancul.

 

@Ammiragliobyrd da nessuna parte un partito è formato da 10 persone e basta xd. La verità è che l'Italia avrebbe bisogno:

- di un reset totale di tutto.
- rimozione della Chiesa dal paese.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Io credo che la domanda, piuttosto che "dove vorreste essere nati?", dovrebbe essere "perché non vi spostate?". Viviamo in una comunità che è un unicum nel mondo, quella europea. Abbiamo la possibilità di andarcene in una discreta quantità di paesi esteri senza vincoli, trasferirci e vivere altrove, cambiare paese e opportunità. Se io oggi non sto bene in Italia perché non sento di avere opportunità, posso andare in Germania e sperare di trovarne là. Dico Germania ma potrebbe essere Spagna, Olanda, potrebbe essere la Francia, il Lussemburgo, la Danimarca, il Portogallo! Il Portogallo ragazzi, è un fottuto paradiso Lisbona! Star qua a lamentarsi di quel che non va è tanto legittimo quanto sterile, le opportunità ci sono. È che siamo proprio provinciali dentro.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Oh Canada!
Our home and native land!
True patriot love in all thy sons command.
With glowing hearts we see thee rise,
The True North strong and free!
From far and wide,
Oh Canada, we stand on guard for thee.
God keep our land glorious and free!
Oh Canada, we stand on guard for thee.
Oh Canada, we stand on guard for thee.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

In realtà in quasi qualsiasi parte del mondo il tuo stile di vita dipendende dalla tua condizione sociale. Una grande città o un'isoletta della polinesia poco importa se non hai i mezzi per viverci adeguatamente. Anche la più bella città del mondo diventa un'inferno se vivi nel quartiere sbagliato.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Probabilmente in un paese nordico, cioè nel nord Europa, per esempio un paese scandinavo, ma anche Olanda e cose così, per la bellezza dei paesaggi naturali e perché preferisco i climi freddi. Poi a livello sociale sono le più alte democrazie che offrono un ottimo, moderato e funzionante walfare state e sono continuamente in sviluppo su tutti i settori: mi sembrano i posti più equilibrati del mondo.

Risposta scelta dall'autore della domanda
1 Utilità

Ogni paese ha i suoi problemi, io dell'Italia mi lamento poco perchè come cultura non siamo secondi a nessuno. La popolazione è molto meno colta, ma gli altri paesi ripeto non sono messi meglio. Quelli che vantano un'istruzione migliore spesso hanno anche tanti concetti inculcati a forza, che non sono necessariamente veri o giusti.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

bella domanda
sono indeciso,tra inghilterra,germania,nuova zelanda e asia in generale
la francia no
mai e poi mai sceglierei la francia

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Germania, Canada, Danimarca, Norvegia, Svizzera
Posti come USA o Giappone sembrano perfetti per farci una vacanza e cambiare aria, ma non so se vivere là possa essere questa gran cosa 🤔

 

@Ammiragliobyrd La Germania è una cosa totalmente soggettiva, infatti penso sia uno dei posti dove puoi sfruttare al meglio la tua passione per le auto. C'è il famosissimo tracciato "Nürburgring", la Nordschleife nello specifico che è famosissima e aperta a tutti; inoltre puoi anche girare per la Autobahn che è un'autostrada dove non ci sono limiti di velocità. Starei lì per cose di questo tipo, per il cibo invece è un'altra storia (ma siamo abituati ad una cultura culinaria che fa invidia a tutto il mondo, quindi è normale pensare che non si mangia bene da altre parti)

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Ragazzi, vorrei vedervi a vivere in posti in cui piove e basta e bisogna andare avanti a forza di crauti lessi o hamburger everyday, circondati da metropoli di cemento armato, respirando merda per anni. L'Italia ha molti difetti, ma ha anche tanti pregi.

 

@Dog Wolf Strawberry Che poi, rileggi bene i due primi commenti, e la tua risposta che inizia con "allora levatevi dalle palle"

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Chicago (llinois), o Seattle (Washington).

 

Patito per gli USA ? Gli Stati Uniti sono belli quanto grandi e pericolosi, molto pericolosi...Però ci sono delle zone davvero grandiose e sarebbe un peccato non citarla per la sua bellezza.

 

@Ammiragliobyrd si, molto. Poi che siano pericolosi... ma tutto il pianeta è pericoloso, tra animali, ambiente e persone. Gli USA si portano dietro sta nomina perché ci sono le armi, ma per me fanno bene. In Italia si è fin troppo pacifisti per i miei gusti.

Cmq America in primis (anche se non mi piace il loro sistema sanitario), poi Giappone, con Akihabara (mecca videoludica) e Okinawa (un luogo di pace) e poi Scozia, con le cornamusa nelle orecchie a prima mattina che è uno spettaoclo.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

 

Primo a dire Africa, ti dico bravo. Io dico che l'Africa ha dei posti mozzafiato, peccato per le varie guerre e dittature, ma credo che alcuni posti anche Kenya sono bellissimi.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Con tutti i suoi difetti non mi lamento di essere nato in questo paese e in questo particolare periodo storico, noi italiani tendiamo sempre a essere troppo pessimisti in ogni cosa scordandoci di quanto siamo realmente fortunati.
Chiusa questa parentesi se proprio dovessi scegliere rinascerei in qualche paese scandinavo.

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

 

@Ammiragliobyrd Per le tante waifu sisi, ma poi sopratutto cibo e rispetto civico e delle regole, seppur i giapponesi hanno uno stile di vita completamente diverso dal nostro, riescono comunque a esser persone gentili.
Ma poi sopratutto per i tantissimi post da vedere, poi ovvio in secondo piano la patria di anime/manga e VG asd

Risposta scelta dall'autore della domanda
0 Utilità

Norvegia, Finlandia, Islanda...insomma, paesi belli freschi asd io tra non molto me ne andrò dall'Italia, è un paese che non mi dà soddisfazioni lavorative. Un paese in cui il divario università - lavoro tende all'infinito: mentre le aziende sono proiettate al futuro, le università rimangono indietro di 10-20 anni.

 

Io penso spesso alla prospettiva di un Laureato, o anche di un diplomato, visto che una persona insegue la laurea e si specializza per fare quel tipo di lavoro, ma poi non riesce ad entrarvi, stessa cosa per il diplomato, ma anche per quelli che hanno una specializzazione con Attestato Professionale, ma questi lavori - per la maggiore - cominciano a sparire. Per chi è laureato la questione è ancora più pesante, visto che spese su spese per libri ed iscrizione, lasciano poi la persona e la famiglia specialmente con un pugno di mosche in mano. Conosco persone che si sono laureate che oggi fanno le pulizie.

Se non fossi nati/e in Italia dove avreste voluto nascere ?